Associazione Istruzione Unita Scuola-Sindacato Autonomo Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Info :3466872531











giovedì 26 giugno 2014

U,E, LÁSZLÓ ANDOR, COMMISSARIO PER L'OCCUPAZIONE, SVELA LE CIFRE SULLA MOBILITA’ DEL LAVORO

Sull’occupazione arriva il rapporto che mostra come i lavoratori scarsamente qualificati difficilmente riescono a trovare un lavoro, sono fuori concorrenza rispetto a quelli qualificati, anche nelle occupazioni elementari:”la persistente segmentazione del mercato del lavoro e la debole ripresa economica significa che molte persone sono escluse dalle opportunità di lavoro e il rischio cadere nella povertà prospettive di occupazione per le persone con scarsa istruzione sono terribili, a meno che acquistano. Il giusto insieme di capacità e competenze ricercate dai datori di lavoro”

di Cinzia Marchegiani
Bruxelles – Arriva come una sentenza, ma i precari, i senza lavoro, gli esodati questi dati li conoscono purtroppo sulla propria pelle. Ieri, 24 giugno 2014,  è stato pubblicato un lavoro della Commissione Europea, sulla mobilità del lavoro in Europa, dove come una mannaia conferma solo certezze inconfutabili che questa epocale crisi ha prodotto, pochi posti di lavoro disponibili dove si è instaurata una vera corsa anche per lavori elementari, dove i lavoratori scarsamente qualificati incontrano crescenti difficoltà a trovarne uno e sono messi fuori concorrenza da parte dei lavoratori mediamente qualificati. Al contrario, sembra che le opportunità di lavoro sono in crescita in alcune professioni altamente qualificati. La relazione evidenzia anche l'aumento del lavoro temporaneo e part-time durante la crisi e sottolinea la necessità di sostenere una migliore scuola-lavoro transizioni, per ridurre la segmentazione del mercato del lavoro e di up-skill in cerca di lavoro, in particolare la bassa qualificato. Un dato che pone quesiti amletici riguardo ai corsi che i lavoratori in cassa integrazione vengono inseriti per ampliare il proprio campo formativo professionale che permette di accedere in altre occupazioni anche lontane dalle proprie competenze.
László Andor, commissario per l'Occupazione, gli affari sociali e l'inclusione, ha dichiarato: " la persistente segmentazione del mercato del lavoro e la debole ripresa economica significa che molte persone sono escluse dalle opportunità di lavoro e il rischio cadere nella povertà prospettive di occupazione per le persone con scarsa istruzione sono terribili, a meno che acquistano. Il giusto insieme di capacità e competenze ricercate dai datori di lavoro. Dobbiamo con urgenza rafforzare il sostegno alle transizioni nel mercato del lavoro, in particolare attraverso la garanzia per i giovani. Abbiamo anche bisogno di investire in programmi di formazione e sviluppo di carriera affrontando il qualificato inferiore. Il Fondo sociale europeo fornisce un importante sostegno finanziario per tutto questo ".
Il Vacancy Rapporto analizza la natura divergente di occupazione negli Stati membri dell'UE durante la recessione, e presenta un'analisi approfondita delle tendenze attuali del mercato del lavoro europeo concentrandosi su cambiamenti nella domanda di assunzione di competenze.
Essa identifica tre gruppi di paesi in base alle loro condizioni del mercato del lavoro:
• un primo gruppo di paesi più colpiti dalla recessione (come la Grecia, la Spagna e il Portogallo), dove i giovani lavoratori invocano lavori elementari con scarse prospettive;
• un secondo gruppo guidato da migliori performance durante la crisi (come l'Austria, la Svezia e la Germania), dove l'assunzione è sceso marginalmente ancora buona corrispondenza esistente tra i livelli di istruzione e di lavoro;
• un terzo gruppo composto di paesi (come l'Ungheria, la Polonia e Slovacchia), caratterizzate da una carenza di manodopera in certe professioni altamente qualificati.
Il rapporto presenta i seguenti principali risultati:
• Occupazione: a 218 milioni, di occupazione medio dell'UE nel 2012 è stato del 2,6% in meno rispetto al 2008, solo cinque paesi (Austria, Belgio, Germania, Malta e Svezia) hanno recuperato sia la loro Pil pre-crisi e livelli occupazionali..
• Offerte di lavoro e assunzioni: il numero di posti vacanti sono diminuiti del 19% e assunzioni del 14% in media tra il 2008 e il 2012, con notevoli differenze tra i paesi. In particolare, c'è stato un forte calo nelle persone reclutate in orientale e meridionale degli Stati membri, con riduzioni del 25% o più al di sotto dei livelli pre-crisi in Grecia, Romania, Slovenia, Slovacchia e Spagna.
• Giovani in cerca di lavoro: Giovani con basse qualifiche sono stati maggiormente colpiti dalla crisi - assunzione sono diminuiti di un terzo (-31%), confrontando il secondo trimestre 2013, con 2.008 giovani in generale godono di un alto tasso di assunzione, ma questo non si riflette da. una significativa riduzione della disoccupazione giovanile a causa di un elevato turnover.
• Tipi di contratti: contratti temporanei e atipici sono aumentati tra il 2008 e il 2012 Nel 2012, il 58% di tutte le assunzioni era attraverso contratti a tempo determinato, la maggior parte di loro involontaria, dimostrando che in cerca di lavoro sono costretti ad accettare posizioni temporanee o part-time.. In "professioni elementari", oltre il 70% delle persone reclutate erano in contratti a tempo determinato. Il rapporto avverte dei potenziali effetti negativi del lavoro temporaneo sullo sviluppo della carriera.
• Domanda di lavoro: professioni con competenze di livello superiore in gran parte dominano le professioni più rapida crescita. Software e professionisti delle vendite, nonché i lavoratori per la cura personale e gli infermieri nei servizi sanitari mostrano una forte crescita dell'occupazione. Lavori che richiedono basso alle competenze intermedie, in particolare quelle che richiedono abilità manuali, sono stati tra quelli con il maggior calo dei dipendenti tra il 2011 e il 2012. La diminuzione del numero dei dipendenti è stata particolarmente accentuata nel settore delle costruzioni (-17% in media nell'UE, ma -50% in Grecia, Irlanda, Lituania e Spagna) e nell'industria manifatturiera (-10% in media nell'UE, ma -20% o più negli stessi paesi).
• Requisiti di formazione: la quota di assunzioni per la bassa qualificata si sta contraendo in tutti i principali gruppi professionali, tra cui in 'occupazioni elementari' (-4% tra il 2008 e il 2014). Questo è particolarmente vero nei paesi baltici e ancora di più in Portogallo. Questo potrebbe essere un indizio di peggioramento delle condizioni del mercato del lavoro, causando lavoratori qualificati medie per riempire posti di lavoro a bassa qualifica.

I risultati del rapporto evidenziano la necessità per gli Stati membri di attuare iniziative politiche volte a meglio chi cerca lavoro di supporto, come la garanzia per i giovani. Il “Finanziamento" da fondi strutturali UE è disposizione per aiutare gli Stati membri ad affrontare le sfide economiche e sociali, l'Europa deve affrontare da qui al 2020, di cui oltre € 80.000.000.000 (a prezzi correnti) da investire in capitale umano tramite il Fondo Sociale Europeo.

Mancano all’appello  molte realtà non analizzate, il mondo dei laureati ne è un esempio tangibile, sono coloro che si trovano inghiottiti nella voragine creata senza senso. Basta osservare i neo dottori che affrontano la follia di una nazione dove la sanità è depredata da conti insanabili… Il mondo del lavoro e dei precari è completamente trasformato da illogiche soluzioni, questa è  l’Europa dei diritti, della solidarietà, del futuro…? Le nuove sfide appena annunciate possano rappresentare un valido cambio di rotta, poiché le ultime generazioni stanno pagando a caro prezzo scelte che hanno responsabilità politiche non indifferenti. Ora un enorme faro sta illuminando l’Europa e mostra la nuova povertà, l’unico dato certo tra tante analisi e deduzioni. Ormai difficilmente ci si affida agli slogan con speranza, perché quando si è perde una casa, un lavoro, una famiglia, il piatto su cui piangere spesso è quello della Caritas.
La nostra costutuzione custodisce ancora il suo valore originale?