Associazione Istruzione Unita Scuola-Sindacato Autonomo Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Info :3466872531











domenica 2 ottobre 2011

Dirigenti comandati al MIUR: «precari più pagati». Io docente precario un con uno stipendio da fame

«Dirigenti scolastici distaccati utilizzati e comandati al MIUR percepiscono indennità di risultato sino a 69.000 euro »

«Consultando il sito trasparenza ci siamo imbattuti in quello che ci sembra uno scandalo legale e una pratica sconosciuta alla categoria dei dirigenti scolastici che sono abituati a ricevere nella loro striscetta stipendiale importi di retribuzione di risultato quota fissa mensili di 159,07 euro.
Ebbene nella tabella, che pubblichiamo in allegato , dove sono ricompresi i ministeriali di 1 fascia e 2 fascia dell’area I ci sono anche alla fine inseriti i dirigenti a
tempo determinato e tra questi i dirigenti scolastici che svolgono la loro attività al ministero come distaccati e comandati e utilizzati in base alla giungla legislativa che nessuno al MEF riesce a smantellare.

Leggendo la colonna della retribuzione di risultato si sobbalza subito dalla sedia constatando che alcuni di questi colleghi “ privilegiati “ godono di un appannaggio annuo che in alcuni casi arriva anche a 69.191 euro annui un importo sette volte superiore a quello dei loro colleghi che stanno in trincea. Questi colleghi “ fortunati “ totalizzano alla fine anche 152.554 euro di stipendio totale!
Si perché la prima cosa che ci si chiede è il motivo di questa retribuzione di risultato privilegiata e magari ci si immagina che a questi particolari eroi sia affidato il destino e le sorti del MIUR o comunque incarichi diplomatici speciali o incombenze particolarmente onerose e complicate soggette a rischi professionali di livello elevato.
Ora comprendiamo la particolare preoccupazione di farsi distaccare presso il MIUR non legata soltanto a chiudersi in una stanza ma legata alla percezione di laute prebende. E tutto legale e con il beneplacito silenzioso della burocrazia sindacale che in periferia si batte per i tagli e al centro si preoccupa di tenere ben salde le teste di ponte all’interno della struttura ministeriale.
I 10.000 dirigenti sono purtroppo distratti dalle mille incombenze e dai mille fastidi della gestione corrente delle loro scuole e magari procurati proprio dall’inerzia dell’apparato e non hanno il tempo di accorgersi di tutto quello che passa sulla loro testa. Ma sarà ancora così in futuro?
Ma tant’è questo è il paese che rischia il default!»

Leggi Retribuzioni annue lorde dei Dirigenti di 1^ e 2^ fascia del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca